logo eacca

Rothko in Lampedusa, l'arte per i rifugiati

Rothko in Lampedusa, l'arte per i rifugiati

«All’inizio del ‘900, Mark Rothko abbandona con la sua famiglia la natia Russia per sfuggire ai...

Geografie alterne. Workshop di fotografia

Geografie alterne. Workshop di fotografia

“Le attività umane s’iscrivono a poco a poco nel paesaggio in modo che ogni roccia, ogni grande...

Filoxenia. La Calabria che accoglie

Filoxenia. La Calabria che accoglie

«Esiste una Calabria che non si arrende. Esiste fra gli insegnanti, fra gli studenti, una...

che non ci sono poteri buoni

che non ci sono poteri buoni

il pensiero (anche) anarchico di Fabrizio De André. Pubblicato da "A-Rivista anarchica", è...

"Mare Mostro": un mare di plastica?

Dopo aver ottenuto la messa al bando delle microplastiche nei cosmetici, l'associazione Marevivo...

  • Rothko in Lampedusa, l'arte per i rifugiati

    Rothko in Lampedusa, l'arte per i rifugiati

  • Geografie alterne. Workshop di fotografia

    Geografie alterne. Workshop di fotografia

  • Filoxenia. La Calabria che accoglie

    Filoxenia. La Calabria che accoglie

  • che non ci sono poteri buoni

    che non ci sono poteri buoni

  • "Mare Mostro": un mare di plastica?

Con l'estate è iniziata la stagione riproduttiva della tartaruga marina, che depone le uova nelle spiagge, anche quando sono molto frequentate. L’altissimo tasso di mortalità al quale è esposta la specie, sia nello stadio giovanile che adulto, rende la fase della riproduzione tra le più importanti e delicate nella vita della tartaruga.
Cosa fare per non arrecare disturbo?
Chi avvista una tartaruga marina deve evitare di disturbare l’animale mantenendo il silenzio e una distanza di almeno quattro metri dall’esemplare, avendo cura di non posizionarsi mai di fronte per non scoraggiarlo nella scelta del sito.
Da evitare l’uso di flash e di sorgenti luminose che alterino le condizioni di luminosità esistenti.

Maggiori informazioni si trovano in una informativa pubblicata dalla Regione Sardegna nel suo sito web in cui si invitano residenti e turisti a collaborare con comportamenti corretti per consentire alle tartarughe marine di continuare a scegliere la Sardegna come habitat.

Per approfondire

vai alla pagina Sardegna Ambiente della Regione Sardegna


FacebookTwitterLinkedinRSS Feed

I cookie che utilizziamo servono solamente a gestire correttamente il sito. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie.