logo eacca

Non una di meno: l’8 marzo noi scioperiamo!

Non una di meno: l’8 marzo noi scioperiamo!

L'appello di Non una di meno per lo sciopero dell’8 marzo. L’8 marzo, in ogni continente, al...

che non ci sono poteri buoni

che non ci sono poteri buoni

il pensiero (anche) anarchico di Fabrizio De André. Pubblicato da "A-Rivista anarchica", è...

Salviamo le dune e la spiaggia di Chia!

Salviamo le dune e la spiaggia di Chia!

L’associazione ecologista Gruppo d’Intervento Giuridico onlus ha lanciato una sottoscrizione per...

"Mare Mostro": un mare di plastica?

Dopo aver ottenuto la messa al bando delle microplastiche nei cosmetici, l'associazione Marevivo...

Tartarughe marine, come aiutarle

Tartarughe marine, come aiutarle

Con l'estate è iniziata la stagione riproduttiva della tartaruga marina, che depone le uova...

  • Non una di meno: l’8 marzo noi scioperiamo!

    Non una di meno: l’8 marzo noi scioperiamo!

  • che non ci sono poteri buoni

    che non ci sono poteri buoni

  • Salviamo le dune e la spiaggia di Chia!

    Salviamo le dune e la spiaggia di Chia!

  • "Mare Mostro": un mare di plastica?

  • Tartarughe marine, come aiutarle

    Tartarughe marine, come aiutarle

L’associazione ecologista Gruppo d’Intervento Giuridico onlus ha lanciato una sottoscrizione per salvare le dune e la spiaggia di Chia, nel territorio comunale di Domus de Maria nella Sardegna sud occidentale, uno straordinario gioiello del Mediterraneo.

Dune di sabbia finissima ricoperte di macchia mediterranea con ginepri secolari dove vive una fauna selvatica sempre più rara. Di fronte, la spiaggia di Su Giudeu e le sue acque cristalline.   

Le dune e la spiaggia, caso raro in Italia, sono di proprietà privata, fino a pochi passi dalla battigia marina, e per questo sono in pericolo.    

 
«Vari soggetti immobiliari - denuncia Stefano Deliperi del Gruppo d'Intervento Giuridico - a capitale arabo e internazionale stanno rastrellando terreni, come sta già accadendo anche in altre parti della Sardegna, e non è azzardato ipotizzare un futuro privatizzato per dune e spiaggia.»

Per sottrarre l'area al rischio di privatizzazione, l’associazione ecologista ha deciso di acquistare una parte delle dune e della spiaggia di Chia, firmando un preliminare di acquisto di quattro ettari. Ma per salvaguardare le dune è necessario l'aiuto di tutti!

Per saperne di più e contribuire all’acquisto delle dune e della spiaggia di Chia vai al sito del Gruppo d’Intervento Giuridico onlus


FacebookTwitterLinkedinRSS Feed

I cookie che utilizziamo servono solamente a gestire correttamente il sito. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie.