logo eacca

 

A Bologna, lo scorso febbraio, ha aperto Camilla – Emporio di Comunità, la prima Food Coop italiana. I soci (più di 400) sono contemporaneamente proprietari, fruitori e gestori, e tutte le mansioni vengono suddivise.
Nel campo dell’economia solidale sono una delle nuove pratiche che cercano di sperimentare modelli di produzione e consumo differenti rispetto al modello unico imposto dal mercato capitalistico; assieme alle CSA (Comunità di Supporto all’Agricoltura), le cosiddette Food Coop (Cooperative di consumo autogestite) possono essere considerate come l’evoluzione dei Gruppi di Acquisto Solidale, da tempo in “crisi” (fatte le debite eccezioni) di progettazione e partecipazione.

«“Canteremo ancora nei tempi bui?”, si chiedeva Bertolt Brecht.
E rispondeva: “Canteremo dei tempi bui”.
E invece no, stavolta no: faremo altro. Se ti opprime l’angoscia “deppis fai attu contrariu”, canta Rossella Faa: tu canta e ridi. Noi tutti dobbiamo fare Atto Contrario. Non cantare dei tempi bui, ma della luce. Della gioia e della bellezza, della speranza...»
Così lo scrittore Bruno Tognolini presenta

La difesa dei Beni Comuni è stato l'obiettivo del lavoro politico di Stefano Rodotà che, nel 2007, lavorò a una legge apposita. Oggi, dopo 10 anni, intorno al riconoscimento giuridico dei Beni Comuni e alla loro tutela si è costituito un Comitato che promuove una proposta di legge di iniziativa popolare.

«Questa lotta - si legge sul sito del Comitato - deve diventare la lotta di ogni comunità e territorio che troppo spesso hanno subito devastazioni e privatizzazioni di ogni genere.

Mesa Noa - Food Coop Cagliari è un progetto di Emporio cooperativo e collaborativo di consumo in cui i soci saranno allo stesso tempo proprietari, gestori e clienti.
Food Coop Cagliari prende forma a fine 2017 all'interno di Sardegna che Cambia e dell'associazione Terre Colte, due realtà molto attive nella creazione di reti di economia etica e solidale.

“Un altro mondo non solo è possibile ma è necessario e urgente”.
A partire da questa consapevolezza, si sono sviluppate e diffuse nel mondo iniziative che si contrappongono a un modello economico che crea disuguaglianze sociali e disastri ambientali non più sostenibili.
Crescono e si moltiplicano a livello locale pratiche alternative che mettono al centro le persone, l’ambiente e le comunità.

I cookie che utilizziamo servono solamente a gestire correttamente il sito. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie.